Joselito conquista l\'Asia

Joselito conquista l'Asia

03.FEB.2014

Indubitabile vanto del marchio "Spagna", il prosciutto iberico si sta diffondendo sempre di più in tutto il mondo. Joselito è stato il primo produttore ad esportare questo prodotto in nuovi mercati, prima ancora che termini quali "globalizzazione" o "internazionalizzazione" iniziassero ad acquisire il significato odierno.

 

Attualmente Joselito è presente nei migliori ristoranti e negozi gourmet di 55 paesi in tutto il mondo, con mercati trasversali in Australia, Europa, America e Asia. Ed è esattamente in quest’ultimo continente che Joselito ha avuto la massima espansione negli ultimi anni. I mercati in cui il marchio si è affermato maggiormente sono quelli di Giappone, Hong Kong, Filippine e Tailandia, ma è presente anche nei mercati di Cina e Singapore e di altri paesi di recente sviluppo.

 

L'attrazione suscitata in chiunque lo provi non lascia dubbi tuttavia, in alcuni paesi, i prodotti iberici sono ancora sconosciuti (per quanto possa essere sorprendente).  Joselito investe sforzi e risorse nel far conoscere al mondo i suoi prodotti e nel promuovere oltre i confini nazionali un prodotto che può essere considerato un vero e proprio "gioiello" della cucina spagnola.

 

Il marchio "Spagna" esporta ogni anno circa 43.000 tonnellate di prosciutto e tutte le varietà di paletas (spalle), con introiti che ammontano a oltre 260 milioni di Euro. Solo il 10% del prosciutto spagnolo stagionato deriva da maiale iberico è stato proprio questo prodotto a stabilire lo standard e a far incrementare il prestigio del paese nei mercati stranieri.

 

L'espansione di Joselito in Cina è iniziata alcuni anni fa, dopo aver superato numerose ispezioni sanitarie e analisi approfondite da parte delle autorità cinesi, che alla fine hanno consentito l'importazione dei prodotti spagnoli nel gigante asiatico. L'eccellente risposta, e il riconoscimento da parte dei migliori ristoranti e chef del paese, sono stati tali che molte persone hanno iniziato a fondere la cucina asiatica con la cultura del prosciutto.

 

"Il principale ostacolo all’esportazione di prosciutti in Cina e in molti paesi asiatici consiste nella scarsa domanda di tale alimento, pertanto stiamo creando un mercato che non esiste, rendendoli partecipi della nostra cultura," dichiara Jose Gomez, proprietario di Joselito.

 

Anche in Cina il maiale (da allevamento interno) sia un animale di gran valore per gli abitanti, la chiave per consentire loro di comprendere e apprezzare un prodotto di alta qualità come quello di Joselito consiste nell’informarli ed educarli. In ogni paese, i nostri team e professionisti si dedicano alla formazione e alla diffusione del prosciutto, anche tramite strumenti utili e di facile accesso, come le nostre pagine Web www.joselitolab.com  e www.joselito.com, entrambe tradotte in 10 lingue, tra cui cinese e giapponese.

 

Inoltre, Joselito invia i suoi prodotti via aerea in contenitori isolanti che li proteggono dal freddo delle stive e li isolano appunto da umidità e luce. Questa pratica è essenziale per mantenere le qualità organolettiche del prosciutto e fare in modo che arrivi a destinazione conservando la sua altissima qualità.

 

Il prosciutto Joselito deriva da maiali nutriti con sole ghiande che pascolano liberi nella penisola sudoccidentale, dove hanno a disposizione tre ettari di terreno che permettono di ottenere un prodotto di alta qualità e senza confini.

LINKS