Un cibo che protegge l’ambiente

Un cibo che protegge l’ambiente

12.SETT.2014

Il cambiamento climatico è provato e, anno dopo anno, dobbiamo fare i conti con il crescente e pericoloso riscaldamento globale. Questa situazione è collegata direttamente al nostro impatto sull’ambiente. Pertanto, è nostra intenzione collaborare per bloccare questa minaccia. Possiamo farlo anche decidendo selettivamente che cosa mangiare.

 

Inoltre, l’attivista Anna Lappé ha scritto il libro Diet for a Hot Planet, nel quale fornisce tanti consigli su quali cibi consumare nel rispetto dell’ambiente e della sostenibilità.

 

Lappé consiglia di consumare prodotti biologici, dal momento che tali prodotti garantiscono uno sfruttamento sostenibile dell’ecosistema, mentre si dovrebbero evitare i cibi che lo danneggiano. In realtà, Joselito fu la prima azienda del settore a livello globale a ricevere la certificazione di qualità Forest Stewardship Council (FSC). Tale certificazione garantisce il nostro impegno nei confronti dell’ambiente e il nostro obiettivo di piantare 2.400.000 di alberi da sughero nei prossimi 30 anni. Questi alberi producono la fonte di cibo per i Maiali Felici di Joselito: le ghiande. Vi è un processo naturale di creazione delle risorse che garantisce la migliore qualità del prodotto. Cosa più importante, i maiali Joselito vivono liberamente in questa foresta mediterranea e si procurano autonomamente il cibo.

 

Un altro consiglio per migliorare l’impatto sull’ambiente è quello di modificare le nostre abitudini alimentari riducendo il consumo di cibi raffinati. Questi cibi, di solito, contengono un alto livello di conservanti e additivi, il cui processo di creazione implica l’emissione di particelle dannose per l’atmosfera. Il prosciutto spagnolo Joselito è creato seguendo un processo di produzione rigorosamente naturale, nel quale non vi è alcun uso di sostanze artificiali.

 

Seguendo questi consigli, oltre che collaborare al miglioramento dell’ambiente, potrete anche seguire una dieta più sana, senza sostanze chimiche.

LINKS